Ho scoperto di essere immune al "nomo"!

Spread the love

Mobile

Ieri ho visto un pezzettino del Tg1 giusto per soddisfare un po’ di sano masochismo cerebrale, illuminante come sempre hanno fatto vedere un servizio relativo ad una ricerca Inglese (come se fosse più credibile) sul cambiamento delle abitudini della società legate all’uso o meglio abuso del cellulare.

E’ emerso, dicevano nel servizio che coloro che sono affetti dal “nomo” ovvero “No Mobile” in Inglese ovvero privi dell’uso del cellulare, hanno dei veri e propri attacchi di ansia e panico, alcuni sfigati con batteria scarica del cellulare hanno ammesso di sentirsi isolati anche se si trovano al centro di Roma, la demenza fuori controllo a mio avviso, in alcune interviste qualcuno ha anche ammesso di avere due cellulari sempre appresso, visto mai dovesse rimanere senza cellulare per qualche ora sarebbe la fine, un disastro.

Da questo servizio ho colto la possibilità di capire che non sono affetto da “nomodeficienza”, infatti se pur possiedo almeno un cellulare dal 1990 di fatti non lo uso, salvo fatte le rare eccezioni per comunicare e non per il solo “non sentirmi isolato”, di fatti portarmi appresso il cellulare mi spacca i coglioni e non vi dico poi quando squilla … quelle rare volte, come ho già detto in altre occasioni le compagnie telefoniche io non le mantengo di sicuro con i miei 20 Euro/anno di ricarica!

E’ voi siete “nomo” affetti? 🙂

You may also like

3 commenti

  1. eheh simpatico perkè anke io ho la stessa idea sui cellulari
    in effetti non mi sono mai venute le crisi d’ansia anzi se succede qualcosa non me ne frega proprio :LoL e non possego cellulari appunto per non averne 🙂

    a parte gli scherzi bel articolo e ottimo blog complimenti……Ciao Giovanni

  2. sono stato circa due anni senza cellulare e sono stati due anni devo dire bellissimi! ))

    poi l’ho riadottato per via di impegni di vario genere ma quando decido di non portarlo o accenderlo é sempre una vara goduria, credetemi! Me la godo da morire, mi sembra di avere una marcia in più, di aver quasi ripristinato la mia libertà più autentica.

    E comunque odio la suoneria, così l’ho disattivata con molto dispiacere di quelli che vogliono che si risponda loro immediatamente : li sto educando, nel mio piccolo!

    saluti

Lascia un commento