Obama il cambiamento è arrivato, ma è tutto da vedere

Sarà il Presidente degli Stati Uniti che farà parte della storia e che sarà ricordato come ancora oggi si ricorda Kennedy, un cambiamento epocale segno dei tempi che passano e se vogliamo maturano le menti.

Certo il compito di Obama non sarà facile, eredita un’America sfinita moralmente ed economicamente distrutta da quel mentecatto di Bush, ma più propriamente dai suoi burattinai neocon per i quali la festa è finita o quantomeno sospesa.

Io chiederei al nuovo Presidente due o tre cose che per me sono fondamentali ed importanti per capire come l’America sia potuta cadere immersa in cotanta merda, chiederei al Presidente:

1) Che si faccia piena luce su quello che è successo l’11 Settembre, mai fatta un’inchiesta degna di questo nome, chi ci spieghi senza le cazzate usate per la caduta delle due torri gemelle, come ha fatto a cadere la torre 7 senza che nessuno la colpisse.

2) Perseguire penalmente Bush e la sua amministrazione per crimini di guerra e contro l’umanità, per i bambini e le donne irakene ed afgane morti per la “democrazia USA”, quella da esportazione inventata proprio dal demente Bush.

3) Rinchiudere a vita gli autori dell’attuale crack finanziario ed economico USA che è poi mondiale, non è così complicato, le responsabilità sono sia pubbliche che private a partire da Wall Street.

Ecco queste sono le cose che chiederei a Obama, senza fretta ovviamente, abbiamo aspettato tanto possiamo aspettare ancora un po’, ma ho dubbi che mai farà qualcosa in tal senso … quindi per ora e fino a prova contraria l’unico cambiamento è il colore!

Per ora buon lavoro Presidente!

Continue Reading

Bin Laden potrebbe aiutare Bush, di nuovo!

E’ il timore di William J. Bratton, capo della polizia di Los Angeles a lanciare l’allarme, secondo Bratton Bin Laden potrebbe mettere in atto un nuovo attacco terroristico proprio sotto le elezioni presidenziali USA per influenzarle ma più precisamente mettere nel caos il paese e magicamente annullare le elezioni, dando così a Bush pieni poteri grazie al National Security Presidential Directive 51, ovvero nel caso di un casino simile all’undici settembre Bush rimarrebbe inchiodato alla poltrona presidenziale.

Fu proprio dall’undici settembre in poi che Bush e i suoi amichetti neocon misero in piedi il processo di distruzione della nazione, dopo quel tragico giorno seguì Afganistan, Irak e crisi finanziaria tanto per ricordare il peggio, un “nuovo attacco all’America” in questo momento si trasformerebbe in un terzo mandato per Bush e tutto il carrozzone, l’ipotesi fatta da Bratton è tutt’altro che bislacca, l’attuale esecutivo sperava in McCain che invece sta perdendo inesorabilmente, quindi per Bush e compagni si addensano le nubi nere di possibili processi su più fronti, lo chiede anche il paese ed Obama non sarà certo colui che parerà il culo di Bush per le sue malefatte.

Quindi quale occasione migliore per rispolverare Bin Laden o l’attore che lo interpreta nella fiction americana?

Via: http://www.latimes.com/

Continue Reading

Bush parla e Wall Street vola, occhio alle cadute dall'alto

I media italioti euforicamente dicono a gran voce, “Wall Street vola” questo dopo che il comandate supremo degli States a parlato al Congresso, chissà quali cazzate avrà detto per mettere tanta euforia nel cadavere economico americano, comunque se basta che Bush parli e la borsa sale non oso immaginare in quali mani siano i soldi rimasti dei piccoli investitori USA.

Comunque che Wall Street vola è bello … il brutto è la caduta!

Continue Reading

Wall Street, cade anche questo muro


Corriere

Le banche con l’acqua alla gola prossime al soffocamento ci speravano molto, anche se per il buco nero che hanno creato i 700 miliardi bastavano si e no per le spese di cancelleria.

Ma lo vedete le borse sono talmente sensibili che solo un vero idiota può farsi infinocchiare con investimenti proposti dai fantomatici promoter elegantemente vestiti con giacca e cravattone, ma vuoti nelle zucche, anzi piene di cazzate da rifilare al cliente e farlo felice con alti guadagni e fottuto perché non gli spiega ed espone gli alti rischi, sono sviste …

Poi arriva il giorno del giudizio, e ti diranno che non sei il solo ad aver perso quasi tutto, sei in buona compagnia perché di coglioni il mondo ne è pieno e tu sei uno di loro, che ci vuoi fare è andata male, ma quando andava bene hai guadagnato percentuali favolose, peccato però che adesso non hai più cazzo …

Un giorno diremo, “vi ricordate quando c’erano le borse mondiali e molti coglioni investivano i loro risparmi finanziando grandi aziende spesso indebitate e queste si fottevano tutto? …”

Wall Street è già storia, per chi non lo avesse ancora capito contatti un promotore finanziario … così lo capirà meglio tra qualche settimana!!

Continue Reading