Il caos risolverà la crisi

La fase del casino si intensifica, il caos di queste ultime ore in India con le esplosioni negli hotel il quasi colpo di stato in Thailandia, e poi non dimentichiamo l’Irak, l’Afghanistan ed il medio oriente, tutti questi casini con scontri a fuoco e morti hanno un comune denominatore, i soldi ed il potere, soldi sotto le più svariate forme ma nella sostanza si tratta sempre di squilibrio nella distribuzione della ricchezza, in sostanza i più poveri si sono rotti il cazzo di pagare sempre per i più ricchi che li sfruttano …!

Poi le interpretazioni occidentali sono le più varie, ma mai fanno in fondo alle questioni e ragioni di chi compie atti con le armi per far sentire le proprie ragioni, sbagliano ovviamente, ma credo sia la conseguenza estrema di chi troppo spesso inascoltato o preso per il culo.

Il punto è che questo caos magari intensificato può giovare alla crisi economica facendola passare in secondo piano, chi ne trae il vantaggio maggiore sono i governi dei paesi che hanno maggior bisogno di “distrarre” i propri cittadini.

Molti si ricordano il periodo precedente all’11 Settembre, ci fu la famosa bolla delle dot com che dopo anni di speculazione e sopravvalutazione di quella che era la Rete di allora ci furono fallimenti in quantità di aziende e compagnie, nella California tra il 2000 ed il 2001 ci furono licenziamenti in massa e disoccupazione ai massimi livelli, poi l’11 Settembre azzerò le Torri Gemelle, la borsa e la bolla speculativa delle dot com finì prima in secondo piano e poi spesso associata proprio al tragico evento.

Le Torri non ci sono più, mentre per l’attuale crisi non ci sono Torri sufficientemente alte!!

Continue Reading

Il quadro è più fragile, ovvero come la merda

Mario Draghi

Lo dice sua “maestà” della Banca d’Italia o Bankitalia Spa se preferite, quella banca che non conta un cazzo per gli italiani se non per il fatto che le paghiamo un debito mai contratto, le famose tasse per il debito pubblico che hanno gli italiani … ma questa banca conta tantissimo per i banchieri privati che ne sono i proprietari … passiamo oltre sennò ce famo notte!

Ma passiamo alle citazioni del banchiere di “dio”, dice:

  • Il quadro è più fragile = La situazione è peggiorata e preparate il culo che ve lo faremo a strisce!
  • Le banche non possono sfuggire alla debolezza dell’economia reale = Le banche si rifaranno come al solito sui clienti chiudendo oltremodo i rubinetti del credito.
  • La situazione resta critica = La situazione è fuori controllo e ad oltre un anno dallo scoppio ufficiale non sapete dove sbattere la testa.

Questo è quanto riesce a dire colui che è alla guida della ex-tipografia detta Bankitalia Spa, ora attiva in stampaggio di biglietti da visita fluorescenti, la banca che controlla, che fa monitoraggio dell’economia e che come sempre non ci dice un cazzo sulla reale situazione, del resto perché dovrebbe mica è un’istituzione pubblica, è privata e mira al profitto e sfido a dimostrarmi che è “dispiaciuta” per l’indebitamento degli Italiani!!

Io posso dirvi solo di prepararvi ad un periodo turbolento, molto turbolento, ed i segnali ce li danno direttamente i Tg ed i media … basta leggerli ed ascoltarli bene!!

Un post a posteriori: I banchieri di Dio o della Goldman Sachs?

Continue Reading

Allarme chiamate il WWF o rimarrà solo il NWO!

1984

Notizie rassicuranti anche dalla locomotiva germanica, il ceto medio quello di equilibrio e tenuta economica nonché ago della bilancia democratica del paese sta scomparendo, molti più poveri raggiungeranno altri già poveri, pochi altri ricchi raggiungeranno altri ricchi, fin qui tutto regolare, ovviamente regolare un paio di palle!

Ma c’è una possibile spiegazione, almeno quella più plausibile, questo processo di eliminazione sistematica del ceto medio è in atto in tutte le cosiddette democrazie occidentali, Italia inclusa ovvio, dove da noi i record negativi sono la regola e ormai un vanto nazionale, lentamente ma poi nemmeno tanto stanno riportando indietro nel tempo la sfera sociale, più o meno ai livelli di 60/70 anni fa, perché?

Bella domanda, la risposta è che se la società viene “omogenizzata” in due gruppi fortemente sviluppati nel senso opposto, alcuni controlleranno meglio gli altri, avete capito chi controllerà chi, saranno appunto le caste scelte e selezionate dai gruppi di potere che avranno il controllo sul resto della popolazione, ridotta più o meno in stato di assistenzialismo schiavismo, tutto questo accade e sta accadendo perché il modello di sviluppo occidentale ha fallito, è in caduta libera e per rialzarsi e sperare in nuovo “futuro” dovrà azzerarsi, come? Con una bella guerra mondiale o qualcosa di catastroficamente simile.

Ora il fatto che i poveri aumentano ed il ceto medio sparisce forse appare più chiaro, i poveri non hanno mai fatto le rivoluzioni, erano già poveri e non avevano nulla da perdere, le rivoluzioni le fanno i ceti in ascesa perché minacciati proprio in tale prospettiva, ed per questo che eliminando il ceto medio si riducono al minimo le possibilità di rivoluzione e protesta, quando sei povero non te ne frega un cazzo di protestare, hai altro a cui pensare, come mangiare o dove dormire!

Ora forse possiamo meglio connotare l’utilità degli immigrati, usati per mascherare ciò che è in atto, di fatto sono poveri e non hanno nulla da perdere, facilmente manipolabili per futuri scontri sociali.

Tanto per rendervi meglio conto del processo in atto è forse bene ricordarsi quali personaggi italiani hanno partecipato gli incontri segreti del “Gruppo Bilderberg“, noterete che molti dei personaggi oggi hanno un ruolo cruciale nelle istituzioni, finanza, industria ed informazione, un ristretto gruppetto di persone che decidono se puoi campare ed in che modo!

Non credo agli alieni, ma questi ci somigliano davvero tanto!

Al Popolo idiota per la maggior parte di esso non rimangono ne tanto tempo ne tante scelte, prima di tutto occorre aprire gli occhietti, poi il resto verrà da sè!

Continue Reading

E arrivò il tempo delle banche magre

UBS Bank

Non c’è scampo per nessuno neppure per la banca Svizzera più importante al mondo, oggi forse circa 3.000 posti di lavoro occupati nel settore degli investimenti pare saranno tagliati, la banca negli ultimi mesi a perso oltre 10 miliardi di dollari ed anno visto almeno per ora la soluzione in una cura “dimagrante” proprio nell’organico del settore più esposto ed in questo momento forse meno produttivo.

Ma non è detto che il restringimento dell’organico si fermi qui, indiscrezioni dicono che i tagli possono arrivare a circa 10.000 su un totale di 80.000 occupati, insomma se una banca che è tra le più importanti al mondo vacilla in questo modo non è un bel segnale, e siamo solo agli inizi di quella che è la crisi più colossale che l’uomo possa ricordare, ovviamente le banche non sono le vittime senza colpe, anzi banche come UBS sono la causa del disastro economico e finanziario, dove sono passate le banche ora c’è il deserto, non c”è più vita!

Spiacente per chi perderà il lavoro, forse lo avrebbero ancora se non avessero fregato la gente rifilandogli cartaccia sotto forma di investimento, un buon boomerang di solito torna indietro!

Un precedente post di altri tagli alla Goldman Sachs

Continue Reading