La tecnologia al servizio dell'ortolano

SMS

Sapete tutti o almeno la maggior parte di chi passa spesso da questi parti che mi stanno sul cazzo i cellulari, ma non in quanto tali se solo rimanessero l’oggetto di comunicazione che è senza le cazzate, sono proprio le idiozie di contorno che mi mandano fuori di melone e che sputtanano questo incredibile mezzo di comunicazione.

Qualche settimana fa i soliti tecnoidioti magnificavano il cellulare a forma di Ferrari, pensaci un attimo solo, 10 secondi … non stiamo parlando di una gran cazzata? ovviamente sì.

Ma le cazzate che più mi fanno girare i coglioni sono quelle mascherate da servizio “utile”, ecco l’ultima, leggo su tomshw.it l’ultima prodezza tecnologica al “servizio dei consumatori”, uno stralcio:

Ad esempio, se l”utente invia un SMS con la parola “pere” riceverà i seguenti messaggi di risposta:
1. SMS Consumatori 28/01 Pere kaiser prezzi euro/kg: Origine 0,70 – Ingrosso 1,00 – Vendita: nord 1,85 centro 1,70 sud 1,40
2. SMS Consumatori 28/01 Pere conference prezzi euro/kg: Origine 0,75 – Ingrosso 1,10 – Vendita: nord 1,95 centro 1,80 sud 1,50
3. SMS Consumatori 28/01 Pere abate prezzi euro/kg: Origine 0,65 – Ingrosso 1,20 – Vendita: nord 2,05 centro 1,70 sud 1,45

Avete capito bene, inviando un SMS potrete sapere il costo delle pere e delle mele, il tutto con la “precisione” tecnologica senza pari, se abiti al centro puoi sapere il prezzo della frutta … non si sà dove esattamente ma saprai il prezzo, cazzo non ti basta? questo solo dopo le 13,30 …

Infatti le massaie quelle veraci e le signore anziane sono incallite SMS-dipendenti, e di fatto mai prima delle 13,30 vanno a fare la spesa, questa meraviglia di servizio farà risparmiare un sacco di soldi, nelle intenzioni, peccato però l’applicabilità al target di riferimento che è come minimo limitata, i dati sono aleatori in quanto approssimativi per via della localizzazione geografica troppo ampia e indecifrabile … e per finire, quanto costerebbe non sapere quanto costerebbero le pere?

Sempre che il servizio non sia gratuito, ma ci credo poco.

La tecnologia al servizio dell’uomo … sì, quello che inventa ste cazzate!

Continue Reading

Il profumo via cellulare l'ultima frontiera delle cazzate

Cellulare Profumato

E’ l’ultima frontiera della demenza, o meglio speriamo lo sia ma ho dubbi che siamo arrivati alla fine della creatività del nulla e delle cazzate, hanno anche il coraggio di chiamarla “invenzione” i “geni” che l’hanno progettato, ma questi almeno sono “geni” furbi e giocano sulla demenza, il demente sfigato sarà colui che si sentirà appagato pagando per queste cazzate, chiamiamolo più propriamente idiota via!

Purtroppo i tecno-dementi-dipendenti dovranno aspettare ancora un po’ prima di possedere il prossimo Cell n. 5 con tanto di fragranze personalizzate.

Infatti pare sarà possibile inviare il PMS ovvero (perfumed short message) con profumi personalizzati, tipo il profumo di un mazzo di rose o che so altro alla vostra fidanzata, più economico e non necessita di nulla come acqua e vaso, le possibilità sono infinite, se poi vi sta sul cazzo qualcuno bhe … in questo caso potrete inviargli un buon profumo corporeo 🙂

Spero di non incontrare mai uno che si profuma telefonando almeno in fascia adulta, sarebbe davvero troppo triste per la mia mente!

Continue Reading

Il cellulare a forma di Ferrari

Il cellulare a forma di Ferrari

L’ho già prenotato e smanio per fare la prima telefonata con la Rossa tra le mani!

Cazzate a parte, esiste una mente che non riesco ancora a definire che mai comprerà questa immane puttanata?
Credo di sì, vorrei incontrare qualcuno che ne possiede uno e guardandolo immaginare quello che gli passa per la testa, e solo per cercare di capire cosa scatta nell’eventuale parte del cervello che poi si tramuta in azione, tale da farti comprate questa ennesima cazzata, per quanto mi sforzi e concentri eennoonnriesco a dare un solo input ad un neurone.

Continue Reading

Ho scoperto di essere immune al "nomo"!

Mobile

Ieri ho visto un pezzettino del Tg1 giusto per soddisfare un po’ di sano masochismo cerebrale, illuminante come sempre hanno fatto vedere un servizio relativo ad una ricerca Inglese (come se fosse più credibile) sul cambiamento delle abitudini della società legate all’uso o meglio abuso del cellulare.

E’ emerso, dicevano nel servizio che coloro che sono affetti dal “nomo” ovvero “No Mobile” in Inglese ovvero privi dell’uso del cellulare, hanno dei veri e propri attacchi di ansia e panico, alcuni sfigati con batteria scarica del cellulare hanno ammesso di sentirsi isolati anche se si trovano al centro di Roma, la demenza fuori controllo a mio avviso, in alcune interviste qualcuno ha anche ammesso di avere due cellulari sempre appresso, visto mai dovesse rimanere senza cellulare per qualche ora sarebbe la fine, un disastro.

Da questo servizio ho colto la possibilità di capire che non sono affetto da “nomodeficienza”, infatti se pur possiedo almeno un cellulare dal 1990 di fatti non lo uso, salvo fatte le rare eccezioni per comunicare e non per il solo “non sentirmi isolato”, di fatti portarmi appresso il cellulare mi spacca i coglioni e non vi dico poi quando squilla … quelle rare volte, come ho già detto in altre occasioni le compagnie telefoniche io non le mantengo di sicuro con i miei 20 Euro/anno di ricarica!

E’ voi siete “nomo” affetti? 🙂

Continue Reading