Grillo a Piombino: una trappola mediatica!

 

Il racconto che ne ha fatto Piazza Pulita è quello di un Grillo che va in piazza a Piombino, ma la stessa non era gremita a sufficienza, almeno per i media, che hanno bollato come flop l’intervento di Grillo in piazza, i media si sono scatenati quando un cartello di protesta è stato mostrato, secondo sempre quanto riportano i media, sgradito ai 5 Stelle e allo stesso Grillo, intervenuti poi per “censurarlo”, il sospetto è che il tutto sia stato preparato proprio per attaccare Grillo e il Movimento, un agguato in vecchio stile politico, ci sono le elezioni.

La piazza tuttavia non era poi così vuota, anzi, se uno vuole rivedersi il video noterà che sulla strada transennata c’è gente a perdita d’occhio, ma ovviamente siamo in campagna elettorale e non potendo attaccare Grillo ne il M5S su altri fronti scandalistici, si cerca di mistificare la realtà facendo passare per flop un incontro con i cittadini di Piombino che è tutt’altro, il cartellone che ha fatto tanto scalpore nelle testate dei media blasonati recitava: “Troppo comodo fassi vedé per i nostro funerale”, niente di scandaloso dunque.

E’ del tutto normale che ci sia un qualche parere contrario o chi manifesta il proprio pensiero, ma i media ne hanno montato un caso, facendo passare la piazza di Piombino come avversa a Grillo e soprattutto vuota, semideserta, insomma un Grillo che non è riuscito a catalizzare la gente e portarla in piazza, le immagini tuttavia smentiscono le bufale pubblicate e mostrate in TV, anche Piazza Pulita si è tenuta alla larga dal mostrare le immagini complete delle molte presenze in piazza ad ascoltare Grillo.

Sul sito di Grillo è comunque possibile vedere il video che dura circa 12 minuti, nel quale si può scorgere le molte persone presenti, ci hanno provato anche questa volta, del resto per attaccare il Movimento 5 Stelle devono pur tentare ogni sorta di strategia, mostrando e scrivendo ciò che fa comodo, pensando di arrestare la crescita del Movimento, ma non hanno capito che la Rete sbugiarda le cose che dicono ancor prima che le dicono, in altre parole vista l’ascesa del M5S si stanno arrampicando sugli specchi.

Continue Reading

E fù crisi, oggi se ne sono accorti … di nuovo!

Auto in crisi

I segnali di questa crisi c’erano già tutti un anno fa, e gli analisti avevano previsto tutto due anni prima, perché non si è fatto nulla in tutto questo tempo??

Dal Corriere:

“300mila posti a rischio” Scajola: misure in 10 giorni

Dieci giorni? Ma cosa hanno fatto fino ad oggi … con questa tempistica quando saremo già morti di fame ci sarà pane per tutti!!

Continue Reading

London Scottish Bank, fallisce anche la "banca dei poveri"

Questo è il comunicato di insolvenza che appare nel sito della banca, era la banca specializzata nell’offrire credito e prestiti a tasso fisso a tutti i clienti con scarse risorse economiche, da oggi entra in amministrazione controllata dopo che le autorità di controllo hanno praticamente bloccato tutte le loro attività.

I numeri sono questi: 10.000 risparmiatori, 250 milioni di sterline in depositi, 700 persone impiegate della banca, tutto sommato non è un colosso bancario ma è riuscita accumulare perdite per oltre 7 milioni di sterline, non è una cifra colossale ma tanto è bastato per farla fallire, questo da un’idea della fragilità del sistema bancario di oggi.

I responsabili fanno sapere che alcuni soggetti non meglio identificati sono interessati ad acquistare la banca con il buco, i risparmiatori per ora tirano un sospiro di sollievo, un po’ di morfina prima di morire!

Continue Reading

Licenziamenti, voce in crescita e costantemente aggiornata

Effetto della crisi economica e finanziaria, sentiamo di notizie relative a licenziamenti e chiusura di aziende da inizio anno e sempre più spesso negli ultimi due mesi.

In futuro purtroppo e forse per buona parte del 2009 e speriamo solo questa, ne sentiremo sempre più spesso gli effetti con un aumento dei posti di lavoro persi in crescita, gli esperti sono cauti ma le stime fanno pensare che il picco dei licenziamenti potrebbe essere tra febbraio ed aprile, ma ovviamente non si arresterà.

La stessa GM parla di migliaia di altri licenziamenti a causa del crollo delle vendite auto, più ci saranno tutti i posti persi e sono altrettante migliaia dell’indotto, e in Italia? Non sarà migliore la situazione che si farà molto calda in primavera … ma speriamo di no cazzo e che qualcuno con la bacchetta magica faccia la magia, comunque per oggi chi cazzo se ne frega … oggi è giornata di calcio!!

Per aggiornarsi: http://news.google.it

Continue Reading