W la France!

La Francia dice no alla riforma del lavoro!

Da notare che non ci sono bandiere di nessuna squadra di calcio!!

Chiaramente guai a far vedere queste scene in Italia nei media ufficiali, visto mai qualcuno potrebbe fare qualche comparazione.

Poi abbiamo un sacco d’impegni, la partita, le isole dei coglioni e poi, domani è sabato, ciò lo Spritz, domenica la gita fuori porta e poi lunedì devo cercare lavoro, naaaaa, non ce la faccio!

Fanculo idioti!

 

Continue Reading

Desertificazione economica chiudono anche le pompe di benzina

Desertificazione economica chiudono anche le pompe di benzina

Questa mattina sono andato a fare benzina allo scooter, essendo distante dal mio solito benzinaio vado in uno più vicino nel quale faccio rifornimento occasionalmente, era chiuso, ma non per ferie, ho chiesto ai ragazzi del lavaggio che sono vicini e mi hanno detto che la stazione di benzina è stata abbandonata e chiusa, il gestore non riusciva a tirar fuori uno stipendio decente.

La pompa di cui parlo non si trova nel deserto, ma nel centro città, purtroppo non è neppure la sola ad aver chiuso o essere addirittura stata demolita, dall’inizio dell’anno sono almeno tre le stazioni chiuse e una demolita.

Ora se non si consuma più benzina, non si vendono auto, non si vendono gomme, tagliandi meccanici, lavaggi auto, accessori ecc… tutto questo legato solo al calo dei consumi di carburante, un segnale chiaro che la ripresa economica è solo una fantasia di qualche mente psicolabile.

Non tutto però è negativo, inquiniamo meno, sprechiamo meno, mangiamo anche meno … presto non mangeremo affatto!

Ma non tutto è perduto, presto Appel venderà il nuovo iPhone 6 … gli iDioti possono stare tranquilli …

Continue Reading

Le cose vanno male e andranno peggio

Le cose vanno male e andranno peggio

Un’ulteriore segnale negativo arriva dal settore turistico, quest’anno salvo rarissime eccezioni il calo delle prenotazioni è molto più marcato e conferma la tendenza degli ultimi 2 anni, anche i turisti stranieri fanno registrare un sensibile calo.

Quindi gli indici di una ripresa sono solo nelle fantasie di chi ostenta numeri e proiezioni future, la realtà è un continuo e progressivo impoverimento sociale con conseguente perdita di posti di lavoro e imprese.

In tutto questo caos abbiamo solo una nitida certezza … questo governo non sta facendo un cazzo!

Continue Reading

Arriva una nuova crisi

Arriva una nuova crisi

Tutti gli indicatori dicono la stessa cosa, presto ci sarà una nuova crisi immobiliare che farà ancora più danni dei quella scoppiata nel 2007/08,

A dirlo sono i soliti complottisti, la Banca Mondiale e il FMI, secondo cui il mercato che traina le economie del mondo è fermo, paralizzato, morto, alla faccia di chi sta vedendo la luce in fondo al tunnel, che sicuramente è un treno in corsa che ci viene addosso!

Per le case in futuro occorre pensare in modo totalmente diverso, come le case ecologiche o quelle in legno, insomma ad un’edilizia molto meno inquinante e costosa!

Continue Reading