I gangster di Wall Street in manette

Gangster

Sono gangster peggio di quanto non fosse Al Capone, almeno lui non si mascherava da “persona per bene” era un gangster consapevole di esserlo e forse anche fiero, questi arrestati dall’FBI sono i responsabili di bolle speculative come quella dei subprime e molte altre bolle che presto ci verranno addosso come macigni, questi non vanno in giro con gli scagnozzi ma con belle donne, fanno la bella vita, ville ed appartamenti in centro, auto di lusso, abiti da migliaia di dollari ecc … insomma tutto il repertorio del pidocchio ripulito.

L’FBI sta facendo quello che avrebbe dovuto fare già tre o quattro anni fa, perché se da noi questa dei subprime è cosa nota da meno di un anno negli USA era notissima da qualche anno, gli arresti di ieri l’altro sinceramente non mi convincono molto, in quanto ho l’impressione che si stia cercando di trovare a tutti i costi il responsabile di questo casino e solo per ridare fiducia a tutto il sistema, del resto anche la stessa FED è responsabile … ma sono sicuro che l’FBI alla FED non ci andrà, come non andrà a prendere i capi delle principali banche responsabili dei mutui subprime, in questo contesto non mi quadra, perché proprio adesso questi arresti?

Ipotizzo … ci sarà il botto (economico) tra Agosto e Settembre?

Continue Reading

I mutui sono ancora pochi!

Mutui

Non vogliamo mica fare delle figure da pirla con gli altri Stati europei spero, l’Italia ha meno mutui attivi quindi diamoci da fare ed indebitiamoci per benino come gli altri cazzo, non facciamo sempre il fanalino di coda, come dice sempre il tiggì.

MUTUI: BANKITALIA, IN ITALIA POCO SVILUPPATI MA IN CRESCITA

Il mercato italiano dei mutui e’ ancora “poco sviluppato nel confronto internazionale” anche se e’ in veloce crescita. Questa la conclusione cui giunge uno studio pubblicato nelle ‘Questioni di Economia e Finanza’ della Banca d’Italia. “In rapporto al Pil – spiega la ricerca – i crediti alle famiglie erogati da intermediari creditizi per l’acquisto di abitazioni erano pari al 16,6% alla fine del 2006, contro una media dell’Unione europea a 25 Paesi del 45,6%”.

Da: http://www.economia-oggi.it/

Questo è il resoconto dello studio della Banca d’Italia, ma sempre secondo lo studio gli italiani hanno ancora la possibilità di rifarsi o farsi fare come si dice a posteriori, le chiappe via, infatti lo studio nota; “un lento processo di convergenza nel grado dell’indebitamento delle famiglie”, insomma l’Italiano non è coglione e recupera terreno, quindi secondo lo studio anche con i casini dei mutui in corso, gente che non riesce a pagarlo, sequestri a centinaia, famiglie rovinate etc … etc … è normale pensare che siano “ancora” pochi?

Posso capire se si parla di un aumento degli immobili venduti e con strumenti di acquisto idonei e congrui che non mettano in pericolo la serenità della famiglia, ma detta nei termini di cui sopra non mi pare proprio a favore del sociale e delle famiglie, mah sarò all’antica!

Dalla notizia non capisco se è positiva perché gli italiani comprano una casetta che gli costa come il castello Disneyland o se è positiva solo perché si indebitano … incomincio a non capirci più un cazzo io o c’è qualcosa di ambiguo nelle notizie che io da idiota forse non capisco, ditemi perché mi faccio psicanalizzare!!

Continue Reading

Surrogato di mutuo, ora manca solo la tessera annonaria

Surrogato di mutuo

Questa me l’avevo persa!

La fantasia economico-finanziaria-speculativa non ha limiti e sfoga spesso contro se stessa, dopo un bel minestrone con in mutui al 100% adesso siamo arrivati al “surrogato di mutuo”, ovvero quando non c’è più nulla si surroga per simulare qualcosa che non esiste più, in questo caso la fiducia dei clienti verso le banche e verso la finanza in generale.

Un surrogato è un prodotto di largo consumo, sviluppato in condizioni di necessità (tipicamente in tempo di guerra o sotto embargo) in sostituzione di un altro prodotto comune, quando quest’ultimo non si può più importare o produrre a causa di una improvvisa interruzione delle vie commerciali.
Viene spesso associato a bassa qualità, e ha spesso connotazione negativa.

Da Wikipedia

Bene, se a qualcuno non è bastata la batosta del mutuo al 100% a tasso variabile ed avesse ancora un po’ di forza masochista questa è una buona occasione per farsi male definitivamente, ti fanno un bel surrogato di mutuo e sei a posto per il resto dei tuoi giorni, tranquillo come in un ventre di vacca che ingrassa … la banca!

Ora seriamente è possibile usare la parola “surroga” ed adattarla a strumenti economici e finanziari i quali poi dovrebbero diminuire le sofferenze relative ai pagamenti del mutuo di casa? si può? è ragionevolmente razionale?

Ma con tutti i soldi che spendono non possono permettersi qualche bravo professionista di marketing che dia nella forma almeno la percezione che non sia una fregatura?

Continue Reading

Il mondo è alla fame, l'OGM lo sfamerà

OGM

Per gli schizzinosi dell’ultimo decennio contro i prodotti agricoli OGM è arrivata la resa dei conti, in pratica siamo di fronte ad un bivio e la scelta più sofferta spetta ovviamente a chi si è detto sempre contrario, questo perché la crisi confezionata a dovere non è ovviamente solo economica, ma anche sociale e colpisce nello specifico popolazioni più povere prima e le altre dopo.

Ora chi se la sente di prendersi la responsabilità di rifiutare il cibo di base alle popolazioni in miseria? nessuno appunto, ma la “salvezza” si sta delineando ed è quella delle coltivazioni OGM, come dichiarano possono essere fatte in molte tipologie diverse di territorio e con condizioni meno favorevoli delle tradizionali, una specie di super-agricoltura, questo è l’OGM che arriva a fagiolo è il caso di dire per salvare le popolazioni più deboli.

Quindi come vedete ha vinto di nuovo le multinazionali, o con le buone o con le cattive fanno sempre quel che cazzo gli pare, anche quando si deve affamare più o meno un miliardo di persone, per ora, Monsanto si prepara a fare il suo raccolto di miliardi, sfamerà il popolo affamato e lo farà diventare dipendente anche per il grano, al business delle multinazionali mancava solo il controllo della Natura e di ciò che la Natura offre, se lo farà sarà la fine dell’agricoltura tradizionale e naturale, i contadini dipenderanno dalle multinazionali e per ogni nuovo raccolto non potranno usare i semi del raccolto precedente come avviene normalmente, al contrario ogni anno dovranno comprare nuovi semi per nuovi raccolti, quello che era gratis diventa a pagamento e ce lo metteranno nel culo anche dopo averci “salvato”.

La crisi dei mutui e delle banche non poteva capitare in un momento migliore, probabilmente anche pilotata ed aiutata dalla speculazione del petrolio, se ci mettiamo anche una spruzzatina di effetto serra e riscaldamento globale il piatto è servito, OGM naturalmente!

L’autodistruzione non accenna a frenare, cazzo qualcuno fermi l’autista!!

Continue Reading